Nel periodo storico che va dal 1229 al 1256, in un tempo cupo e insidioso, forze oscure minacciano la vita di un popolo pacifico. Personaggi controversi ed ambigui insidiano una terra libera e la Sacra Reliquia, essenza della devozione verso un potente santo, è trafugata con un terribile atto sacrilego.  
Il Castello di Barga, assediato ostinatamente da parte dei Lucchesi, sembra soccombere alla paura e alla disperazione. Mentre tutto appare sgretolarsi e ogni certezza vacilla, si stagliano nitide e forti le figure del Comandante delle Armi Lando e della sua amata Beldie che caparbiamente combattono per il loro paese mentre fede e misticismo avvolgono una vicenda di forte drammaticità. Tradimento e superstizione si contrappongono ad onore e vera devozione, in un aspro confronto tra bene e male, dove amicizia, amore e coraggio lottano senza tregua per dominare gli avversi eventi, fino all'epilogo finale... inaspettato.
Attraverso una attenta e responsabile interpretazione dei tempi e delle situazioni, gli avvenimenti narrati si articolano e si sviluppano nell'intento di calarci, quanto più fedelmente possibile, nel contesto storico trattato. Storia, leggenda e immaginazione si fondono accompagnandoci nell’evolversi di un romanzo a tinte scure, a tratti drammatiche, permeato da un senso mistico, da sentimenti forti, mentre i protagonisti, per molta parte realmente vissuti, si rivelano senza veli nella loro sconcertante attualità.

 

L'AUTORE

Massimo Capanni è nato a Barga (Lucca) il quattro agosto del 1954. Libero professionista, Commercialista con Laurea in Scienze Giuridiche, divide la propria residenza fra Barga, Lucca e l'Isola d'Elba. Quando gli impegni di lavoro e di famiglia lo permettono si dedica ai viaggi, alla scrittura e alla musica. É sposato con tre figli. Con Tralerighe libri ha pubblicato “Quella mancanza che vale” (2020).

La reliquia del disonore

SKU: ISBN: 9788832871722
€ 18,00Prezzo